È il titolo dell’interessante progetto espositivo promosso dal Consorzio Camù, Centri d’Arte e Musei – rete di partnership nata nel 2004 con l’obiettivo di avvicinare il pubblico all’arte e alla cultura e favorire la promozione e la valorizzazione dell’offerta culturale cagliaritana – che mette in mostra all’EXMA di Cagliari opere appartenenti o nella disponibilità della collezione privata di Antonio Manca, con base in Sardegna, aperta verso il mondo.

E l’iniziativa si rivela lodevole sotto diversi aspetti a cominciare dalla selezione degli artisti, da quelli più noti, già ampiamente riconosciuti nel panorama internazionale, a quelli emergenti il cui ruolo va progressivamente affermandosi nel sistema contemporaneo. E poi la scelta curatoriale di Simona Campus in collaborazione con lo stesso Antonio Manca che si concentra su opere che affrontano e ridiscutono i cambiamenti politici, sociali, culturali degli ultimi decenni, dando all’arte il compito che le è proprio, quello cioè di un’indagine profonda e libera da pregiudizi della contemporaneità.

  • Li Wei , Cina, Liwei falls to the ice hole, Beijing 31 01 2004
    Li Wei , Cina, Liwei falls to the ice hole, Beijing 31 01 2004
  • FX Harsono, Growing Pains, 2009
    FX Harsono, Growing Pains, 2009
  • Elena Nemkova, Sky Lesson #9, 2007
    Elena Nemkova, Sky Lesson #9, 2007
  • Oleg Kulik. Dead Monkeys,
 1998
    Oleg Kulik. Dead Monkeys, 1998

Mai come in questo momento i concetti di civiltà e democrazia sono messi a dura prova e il dialogo appare possibile solo attraverso la comprensione autentica dell’altro, così l’arte diventa il vero presidio di civiltà e democrazia proprio perché ci propone sguardi liberi da preconcetti sugli spostamenti epocali che stiamo vivendo. E non a caso il progetto richiama nel titolo Sguardi sul mondo attuale, l’antologia di saggi scritti da Paul Valéry nel 1934.

#1 Eastern Eyes è la prima tappa del programma pluriennale e fissa il proprio sguardo a Est: geografie culturali e ricerche sperimentali degli ultimi decenni fino all’attualità dai paesi dell’Ex Unione Sovietica fino Cina, Indonesia e Giappone. In mostra le opere (e i libri sugli artisti e le opere consultabili direttamente nello spazio espositivo) di quindici artisti orientali che spaziano dalla pittura alla fotografia fino alle grandi istallazioni: l’impegno radicale di Oleg Kulik per la salvaguardia dell’ambiente e delle specie animali, le ironiche provocazioni dei Blue Noses rivolte alla società e alla cultura russa, il lavoro installativo di Peter Belyi, critico e utopico allo stesso tempo, per citarne solo alcuni, oltre a FX Harsono, tra i massimi protagonisti dell’arte contemporanea indonesiana, o ai maestri della fotografia nipponica.

Nel complesso, una prima interessante occasione di riflessione sulla complessità del mondo attuale e sul precario, eppure necessario, equilibrio tra gli aspetti delle identità sociali e culturali con le forze della globalizzazione.

 

#1 Eastern Eyes
8 luglio – 28 agosto 2016
Centro d’arte EXMA – Consorzio Camù
Via San Lucifero 71
09127 Cagliari

 

BIOGRAFIA – Diletta Toniolo

Diletta Toniolo ha da sempre coltivato la passione per il design che oggi insegna in corsi di storia e in laboratori di ricerca sulle tendenze contemporanee e promuove tramite l’attività giornalistica – collaborazioni tra gli altri con bOx International Trade, Domus, Bravacasa, Arketipo, Ottagono, il Mattino, Sky Alice, 24 Ore Television, Radio 24 – e la curatela di mostre ed eventi.

Dal 2001 collabora con IED come docente: ha tenuto corsi di Fenomenologia delle Arti Contemporanee, Storia del Design, Salone Experience, Interior e Product Design, oltre a diversi workshop. Da qualche anno è IED Ambassador, portando l’esperienza e la professionalità IED in giro per il mondo.

Tra le sue varie pubblicazioni: il libro Capolavori del design italiano, La storia del design italiano attraverso l’opera dei suoi progettisti, Edizioni White Star a cura di design.doc, oltre a collaborare come editor per la free press Tortona Around Design Journal durante la settimana del design milanese.

Share
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Comments are closed.

Proseguendo a navigare il sito, accetti l'utilizzo dei cookies. Maggiori info

Per migliorare il nostro sito e la tua esperienza di navigazione, questo sito web utilizza i cookies (proprietari e di terze parti). Se continui la navigazione accetti di utilizzarli. Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra cookies policy .

CHIUDI