Dal 12 al 17 aprile 2016 Milano si è aperta, come ogni anno, al mondo del design. E non solo in senso metaforico, ma anche letteralmente: le nazioni si sono incontrate nel capoluogo lombardo proponendo visioni, prodotti, progetti dai più artistici ai più tecnici, colorando il design di tante sfumature.

Milano, a ragione considerata la Mecca del design, ha mostrato i tanti volti del mondo de progetto. Nelle nostre incursioni dentro i padiglioni fieristici e nelle brulicanti vie della città, abbiamo avuto modo di osservare gli aspetti più commerciali (soprattutto all’interno di Rho Fiera) e gli approcci più innovativi e inusuali. Dalle aziende più strutturate ai progettisti appena all’inizio.
Sono soprattutto i più giovani, spesso ancora studenti o appena diplomati, che hanno attirato in particolare la nostra attenzione. Proprio dalle loro proposte sono emersi nuovi e interessanti modi di progettare, che spesso si avvicinano negli approcci pur mantenendo le proprie caratteristiche locali.

  • Moris Collection, photo by Miraida Rodriguez Muniz
    Moris Collection, photo by Miraida Rodriguez Muniz
  • Light Ribbon Bugs, photo by Miraida Rodriguez Muniz
    Light Ribbon Bugs, photo by Miraida Rodriguez Muniz
  • Moris Collection, photo by Miraida Rodriguez Muniz
    Moris Collection, photo by Miraida Rodriguez Muniz
  • Vinchen Design, photo by Miraida Rodriguez Muniz
    Vinchen Design, photo by Miraida Rodriguez Muniz
  • Ventura Lambrate - A belgian village by DIFT, Photo by Marco Ranocchio
    Ventura Lambrate - A belgian village by DIFT, Photo by Marco Ranocchio
  • Ventura Lambrate -JUST LIKE YOUR MOM, Photo by Claudio Grassi
    Ventura Lambrate -JUST LIKE YOUR MOM, Photo by Claudio Grassi
  • Ventura Lambrate- SCUOLA ITALIANA DESIGN, Photo by Claudio Grassi
    Ventura Lambrate- SCUOLA ITALIANA DESIGN, Photo by Claudio Grassi
  • Ventura Lambrate- SCUOLA ITALIANA DESIGN, Photo by Claudio Grassi
    Ventura Lambrate- SCUOLA ITALIANA DESIGN, Photo by Claudio Grassi
  • Ventura Lambrate- EQUILIBRI FURNITURE, photo by Davide Provolo & Darkmotostudio
    Ventura Lambrate- EQUILIBRI FURNITURE, photo by Davide Provolo & Darkmotostudio
  • Ventura Lambrate- DESIGN ACADEMY EINDHOVEN, photo and design by Tamara
Orjola
    Ventura Lambrate- DESIGN ACADEMY EINDHOVEN, photo and design by Tamara Orjola
  • Ventura Lambrate- DESIGN ACADEMY EINDHOVEN, photo and design by Sanne Muiser
    Ventura Lambrate- DESIGN ACADEMY EINDHOVEN, photo and design by Sanne Muiser
  • Ventura Lambrate- BERGEN ACADEMY OF ART AND DESIGN, photo by Bjarte Bjørkum
    Ventura Lambrate- BERGEN ACADEMY OF ART AND DESIGN, photo by Bjarte Bjørkum
  • Ventura Lambrate- BERGEN ACADEMY OF ART AND DESIGN, photo by Bjarte Bjørkum
    Ventura Lambrate- BERGEN ACADEMY OF ART AND DESIGN, photo by Bjarte Bjørkum
  • Ventura Lambrate- AARHUS SCHOOL OF ARCHITECTURE, Photo by Thomas Lillevang
    Ventura Lambrate- AARHUS SCHOOL OF ARCHITECTURE, Photo by Thomas Lillevang
  • Ventura Lambrate- UNIVERSITY OF LAPLAND, photo by Juuso Kuusisto
    Ventura Lambrate- UNIVERSITY OF LAPLAND, photo by Juuso Kuusisto
  • Ventura Lambrate- BECKMANS COLLEGE OF DESIGN
    Ventura Lambrate- BECKMANS COLLEGE OF DESIGN
  • Ventura Lambrate- HDK School of Design and Crafts, Photo by Christian Strömqvist
    Ventura Lambrate- HDK School of Design and Crafts, Photo by Christian Strömqvist
  • Ventura Lambrate- IED Torino, Photo by Anirudh Dutt
    Ventura Lambrate- IED Torino, Photo by Anirudh Dutt
  • Ventura Lambrate- Marta Bordes, Photo by Anirudh Dutt
    Ventura Lambrate- Marta Bordes, Photo by Anirudh Dutt
  • Morita, photo by Miraida Rodriguez Muniz
    Morita, photo by Miraida Rodriguez Muniz
  • Morita, photo by Miraida Rodriguez Muniz
    Morita, photo by Miraida Rodriguez Muniz
  • Fluctuation Tint, photo by Miraida Rodriguez Muniz
    Fluctuation Tint, photo by Miraida Rodriguez Muniz

Il Salone Satellite – padiglione dedicato ai designer emergenti – e Ventura Lambrate – l’area cittadina a più alta densità di giovani e scuole – ci hanno suggerito la raccolta di immagini che potete vedere. Comune denominatore un nuovo orientamento alla progettazione, più collaborativo e aperto allo scambio di rete (intesa come insieme di relazioni interconnesse). Abbiamo osservato interessanti combinazioni di tecniche vernacolari con materiali di ultima generazione, esempi di innovazione produttiva in continuità con un segno tradizionale: un design che ribolle e sembra aprire sempre nuovi scenari progettuali che definiranno il mondo del futuro.

Authors

Avani Arora Avani Arora, IED Student

Miraida Rodriguez Muniz Miraida Rodriguez Muniz, IED Student

tanya_chutani Tanya Chutani, IED Student

Share
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Comments are closed.

Proseguendo a navigare il sito, accetti l'utilizzo dei cookies. Maggiori info

Per migliorare il nostro sito e la tua esperienza di navigazione, questo sito web utilizza i cookies (proprietari e di terze parti). Se continui la navigazione accetti di utilizzarli. Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra cookies policy .

CHIUDI