Ritorna dopo una (colpevole) pausa di due decenni, il momento di indagine sullo stato dell’arte del mondo del progetto.

E il vocabolo progetto non è scelto a caso, è il più ampio, è il comune denominatore di espressioni formali diversissime fra loro eppure unite da uno stesso terreno, quello del progetto appunto: il pensiero creativo che cerca una integrazione con la realtà.
Si tratta di idee, concept, sogni, desideri che si realizzano tramite un medesimo approccio programmatico, idee che si svolgono letteralmente nel tempo, nello spazio e tra persone. Architettura, design, arte si intrecciano, discutono, si mostrano per sei mesi, dal 2 aprile al 12 settembre, a Milano. Centro pulsante il palazzo omonimo – che della periodicità ha fatto il proprio nome sostituendolo all’originario Palazzo dell’Arte, realizzato nel 1935 da Muzio – che sarà l’epicentro di una serie di esposizioni, convegni, lectures diffusi nella città.

  • IV TRIENNALE DI MONZA 1930
    IV TRIENNALE DI MONZA 1930. Casa Elettrica, società Edison, arch.tti Figini, Pollini, Frette, Libera, Bottoni
  • X TRIENNALE DI MILANO 1954
    X TRIENNALE DI MILANO 1954. Mostra Internazionale dell’Industrial Design, Castiglioni, Menghi, Morello, Nizzoli, Provinciali, Rosselli, Pepe, Reggiani
  • XIV TRIENNALE DI MILANO 1968
    XIV TRIENNALE DI MILANO 1968. Il problema della creatività nella società del grande numero, Saul Bass e Herb Rosenthal
  • XX TRIENNALE DI MILANO 2001-2004
    XX TRIENNALE DI MILANO 2001-2004. Lucas, la città infinita
  • VESPA 150 T.A.P. (Truppe Aeree Paracadutate)
    VESPA 150 T.A.P. (Truppe Aeree Paracadutate). 1956, Scooter Militare, Courtesy: Museo Piaggio. Pontedera (PI), Neo Preistoria -100 Verbi curata da Andrea Branzi e Kenya Hara
  • RURAL STUDIO
    RURAL STUDIO. Greensboro Boys and Girls Club, Greensboro, Alabama. © Timothy Hursley, all’interno di Architecture as Art ideata e diretta da Pier Luigi Nicolin con la curatela di Nina Bassoli all’Hangar Bicocca
  • New Crafts
    NEW CRAFTS. All’interno della mostra New Crafts a cura di Stefano Micelli alla Fabbrica del Vapore, HSL, Laboratori di HSL, Estrazione dalla polvere e prima fase di pulizia del diffusore della lampada applique Bolle, disegnata da Selvaggia Armani per .exnovo, 2015
  • Metamorfosi Vegetali
    METAMORFOSI VEGETALI. Francesca Lanzavecchia con Hunn Wai, Metamorfosi Vegetali, 2013, esposta all’interno del Triennale Design Museum alla sua nona edizione con la mostra, W Women in Italian Design a cura di Silvana Annicchiarico
  • MUDEC‐ Museo delle Culture
    MUDEC‐ Museo delle Culture. Una delle sedi della XXI Triennale in città, MUDEC‐ Museo delle Culture. L’edificio visto dall’esterno © PHOTO OskarDaRiz. Ospita Sempering a cura di Luisa Collina e Cino Zucchi con Valentina Auricchio e Simona Galateo
  • L’Hangar Bicocca
    HANGAR BICOCCA. L’Hangar Bicocca visto dall’esterno. Courtesy Pirelli HangarBicocca. Foto Agostino Osio

21st Century. Design After Design, il titolo della XXI Esposizione Internazionale della Triennale di Milano. Non una visione sul futuro, ma la decodifica del nuovo millennio attraverso il confronto con i temi forti della contemporaneità: la questione del genere nella progettazione, l’impatto della globalizzazione, le trasformazioni provocate dalla crisi del 2007, la relazione tra città e design, i rapporti tra design e l’accessibilità delle nuove tecnologie dell’informazione e i rapporti tra design e artigianato.
12 sedi per 20 mostre curate direttamente dal comitato scientifico della XXI Triennale o in collaborazione con musei, enti, istituzioni e aziende e le partecipazioni internazionali con esposizioni da oltre 30 Paesi. E ancora un fitto programma teatrale a cura del CRT al Teatro dell’Arte, 2 summer school, partecipazioni a 4 festival del cinema (Cinema Africano, IT Festival, Milano Design Film Festival e Milano Film Festival), concerti, workshop, premi e incontri.

Le mostre in Triennale comprendono la nuova edizione del Triennale Design Museum con W, Women in Italia a cura di Silvana Annicchiarico, La Metropoli Multietnica di Andrea Branzi, Brilliant!
I futuri del gioiello Italiano a cura di Alba Cappellieri, Neo Preistoria -100 Verbi curata da Andrea Branzi e Kenya Hara, Stanze. Altre filosofie dell’abitare di Beppe Finessi. Nella città in diversi luoghi: Architecture as Art ideata e diretta da Pier Luigi Nicolin con la curatela di Nina Bassoli all’Hangar Bicocca, al Museo Diocesano, Design behind Design di Natale Benazzi, Carlo Capponi, Laura Lazzaroni, Marco Romanelli e Andrea Sarto, Sempering a cura di Luisa Collina e Cino Zucchi con Valentina Auricchio e Simona Galateo al MUDEC, Confluence al Museo Nazionale Scienza e Tecnologia “Leonardo da Vinci”, New Crafts a cura di Stefano Micelli alla Fabbrica del Vapore, Campus & Controcampus. Architetture per studiare e ricercare a cura della Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni al Politecnico di Milano, La logica dell’approssimazione, nell’arte e nella vita curata da Aldo Colonnetti e Gillo Dorfles al Palazzo della Permanente, Archidiversity. 9 architetti progettano design for all a cura di Giulio Ceppi, Rodrigo Rodriguez con Matteo Artusi in collaborazione con Fondazione Riccardo Catella, Design For All Italia e Comune di Milano al Triennale ExpoGate e Game/Video Art. A Survey a cura di Matteo Bittanti e Vincenzo Trione allo IULM.

Fuori Milano nell’Area Expo di Rho Fiera: City after City di Pierluigi Nicolin con le mostre Landscape Urbanism di Gaia Piccarolo, Urban Orchard di Maite Garcia Sanchis, Expanded Housing di Matteo Vercelloni, People in Motion di Michele Nastasi e Street Art di Nina Bassoli. Alla Villa Reale di Monza, prima e storica sede della Mostra Internazionale delle Arti Decorative a cominciare dal 1923, Road to (R)evolution. Prospettive di futuro. La poetica del domani fra car design e mobilità, in collaborazione con Quattroruote.

 

BIOGRAFIA – Diletta Toniolo

Diletta Toniolo ha da sempre coltivato la passione per il design che oggi insegna in corsi di storia e in laboratori di ricerca sulle tendenze contemporanee e promuove tramite l’attività giornalistica – collaborazioni tra gli altri con bOx International Trade, Domus, Bravacasa, Arketipo, Ottagono, il Mattino, Sky Alice, 24 Ore Television, Radio 24 – e la curatela di mostre ed eventi.

Dal 2001 collabora con IED come docente: ha tenuto corsi di Fenomenologia delle Arti Contemporanee, Storia del Design, Salone Experience, Interior e Product Design, oltre a diversi workshop. Da qualche anno è IED Ambassador, portando l’esperienza e la professionalità IED in giro per il mondo.

Tra le sue varie pubblicazioni: il libro Capolavori del design italiano, La storia del design italiano attraverso l’opera dei suoi progettisti, Edizioni White Star a cura di design.doc, oltre a collaborare come editor per la free press Tortona Around Design Journal durante la settimana del design milanese.

 

Share
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Comments are closed.

Proseguendo a navigare il sito, accetti l'utilizzo dei cookies. Maggiori info

Per migliorare il nostro sito e la tua esperienza di navigazione, questo sito web utilizza i cookies (proprietari e di terze parti). Se continui la navigazione accetti di utilizzarli. Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra cookies policy .

CHIUDI